Ragusa

 

Ragusa di Dalmazia oggi è conosciuta come Dubrovnik. L’autore delle opere dovrebbe avervi soggiornato tra gli anni 1536 e il 1550, poco prima di lasciare Venezia per andare esule a Londra. Erano gli anni in cui il suo amico e protettore Pietro Paolo Vergerio pubblicava il suo appello “De unitate et pace Ecclesia”, con cui l’umanista di Capodistria auspicava una riforma della Chiesa Cattolica, cui aderirono in seguito tutti i seguaci di de Valdés, ivi compreso il suo superiore, il Generale dell’Ordine dei Cappuccini Bernardino Ochino, anch’egli rifugiatosi in Inghilterra. A Ragusa i francescani avevano un’importante sede conventuale e una bellissima chiesa dove il Vergerio aveva anni prima iniziato a divulgare le nuove istanze per la Riforma di Lutero. In quell’epoca Ragusa godeva di un regime di autogoverno sotto la protezione politica della Repubblica di Venezia, come Fiume, Zara, Buia, Spalato, Sebenico e altre città della Dalmazia, contro le incursioni della pirateria saracena e le invasioni dei popoli dell’interno dei Balcani.

L’autore descrive la città in termini allusivi nell’opera “La dodicesima notte” indicando la località come “Illiria lungo la costa dell’Adriatico” e accennando alle sue caratteristiche architettoniche, culturali e alle sue bellezze ambientali. La città, profondamente influenzata dall’ambiente veneziano, era una città opulenta e sontuosa. Il carattere architettonico veneto-gotico prevaleva ovunque. Notevoli sono le opere rinascimentali di taglio toscano opera degli artisti italiani quali il Michelozzo, Giorgio Orsini, Giordano Onofrio della Cava e Giorgio Dalmatino. Significativo il fatto che l’autore fa dire al personaggio Sebastiano (Atto III, scena III): “… appaghiamo, vi prego, i nostri occhi con le cose famose e i monumenti che danno lustro alla città … mentre voi ingannate il tempo e nutrite la vostra cultura visitando la città.” Ancora una volta appare evidente che chi scriveva doveva conoscere bene l’ambiente locale, per quanto lontano e insolito ed anche la sua particolare cultura veneta.

SITO IN ALLESTIMENTO

Copyright © 2017 www.shakespearetoitaly.it. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.